È un momento difficile, eh sì, se ne sono già dette tante a riguardo. Le notizie tristi sono diventate parte del nostro monotono quotidiano e sembrano farci allontanare sempre più dai nostri piani estivi, a tal punto da farci rinunciare ad immaginare le nostre vacanze.

Viaggiare con la mente è un piacere che nessuno vuole negarsi, ma farlo fisicamente, ha sicuramente tutto un altro gusto!
 
Quante volte andiamo in capo al mondo e ci accorgiamo di avere di fronte a noi montagne, monumenti, paesaggi che ricordano quelli di casa, facendoci così sentire fortunati e, perché no, anche un po’ nostalgici.

Credo che questo sia il momento giusto per andare alla scoperta del patrimonio locale, quello che ci circonda e che il più delle volte non consideriamo, perché siamo troppo presi dalla nostra routine fatta di orari stretti e di mille pensieri per la testa.

Siamo sinceri, molti di noi sono ignari delle bellezze e del gran potenziale di queste vallate, perché è più facile denigrarlo o sottovalutarlo che impegnarsi a scoprirlo!
Ecco, caro lettore, questa è l’occasione perfetta per recuperare il tempo perduto e per ricredersi.

Come immaginarsi l’estate che verrà? Ovviamente immersi nella Natura. Sì, quella con la N maiuscola. Lì sono nascosti i veri gioielli del nostro territorio, la Storia, le tradizioni, l’arte, la scienza e anche il divertimento.

Vi immaginate che bello camminare o andare in mountain-bike lungo i sentieri di montagna o di collina? Al momento sembra un sogno, ma noi lo faremo naturalmente… distanziati!

Lo so, in questi giorni non facciamo altro che sentire “distanziamento sociale”, ci trapana il cervello e spesso ci spaventa. Dobbiamo dirlo, non ha un suono molto dolce, ma è la descrizione di ciò che ci sta accadendo e di ciò che ci aspetta. 

Ho deciso di utilizzare il motto “naturalmente… distanziati” perché chiunque frequenti la montagna e la natura in generale, sa che l’essere distanziati durante un’escursione è normale, ognuno prende il proprio passo, ma ciò non vuol dire essere soli: è pur sempre un momento di condivisione.

Quante volte la distanza in natura ci permette di ammirare animali selvatici nella loro quotidianità e di godere di fenomeni naturali unici. 

La distanza diventerà il modo per prendersi il proprio tempo, per ascoltare il proprio corpo e per godersi la vista.

Durante le vostre avventure in queste valli affidatevi ai professionisti del turismo che vivono IN e soprattutto PER questi  luoghi. Chi meglio può raccontarvi aneddoti, storie e curiosità di un’area, se non ci investe tempo, vita e denaro per essa?

Chi come me, Marika della Pangea Viaggi Incoming, accompagnatrice turistica e tecnico specializzato in ospitalità turistica nelle vallate cuneesi, ama le proprie radici e il proprio territorio, sceglie ogni giorno di investire tempo, studio e tanto lavoro al fine di passare la propria passione a chi ha davanti e a chi sta leggendo queste parole.

C’è chi ha deciso di lanciarsi in un mondo nuovo, lontano anni luce dalla propria professione, come Gabriele e Franco de “L’ostello del Monastero“, una struttura ricettiva in una piccola frazione di Dronero, all’interno di un antico monastero cistercense femminile del XII secolo. Il loro scopo è far rinascere e rendere fruibile i beni della bassa valle Maira. Come? A piedi o in bicicletta! Il loro ostello dà riparo e la possibilità di scoprire i piatti della tradizione a tutti i viandanti.

Ostello del monas

Diego e Marco di Cycling Nature hanno fatto del loro hobby il loro secondo lavoro. Vi trasmetteranno l’amore per la mountain-bike e vi condurranno in alto, su per i colli alpini e le dorsali dai panorami mozzafiato. Con loro saluterete il monte Bersaio e la Meja per poi concedervi una meritata pausa al pian della Gardetta oppure macinerete chilometri lungo i sentieri montani verso il vostro meritato piatto di gnocchi al Castelmagno.
Insomma, noi come tanti altri professionisti con cui collaboriamo, siamo qui naturalmente… distanziati per rendere le vostre vacanze a km0 (o quasi) impeccabili e indimenticabili, perché crediamo in questo territorio, nelle sue potenzialità e siamo pronti a investire tutte le nostre forze per farvelo amare come mai prima d’ora avete fatto!

È giunta l’ora di prendere lo zaino ed incamminarsi lungo i sentieri della Valle Stura per raggiungere le fortificazioni dei Becchi Rossi.

Partiremo da qui, dall’incantevole Ferrere, una piccola borgata nel comune di Argentera a 1900m circa sul livello del mare. La caratteristica di questa piccola frazione è la disposizione delle case, poste a gradino per sfruttare al meglio la luce del sole.

Il suo nome può richiamare alla mente due derivazioni: la prima legata ai minerali ferrosi e la seconda di derivazione latina da “ferus”, ovvero feroce, per via del luogo impervio in cui è ubicata.

In origine i tetti delle case erano fatti di paglia o di legno. Attualmente molte abitazioni hanno delle copertura in lamiera.

È giunta l’ora di incamminarci e di lasciarci Ferrere alle spalle, avremo modo di godercela e di scoprirla al nostro rientro.

Incamminiamoci!

Pochi passi ancora lungo il sentiero che si inerpica su per il bosco e poi saremo arrivati alla nostra destinazione. Possiamo già intravedere laggiù in basso il nostro punto di partenza e la valle circostante.

Eccoci arrivati ai Becchi Rossi!

Vi sembrerà un luogo come gli altri, ma nelle sue viscere nasconde un luogo che potremmo definire parallelo. Eh sì perché sotto ai vostri piedi ci sono cunicoli, sale immense e buie, luoghi adibiti a depositi. Che ne dite, entriamo?

Queste fortificazioni vennero costruite tra il 1924 e il 1925 e appartengono al Vallo Alpino del Littorio. Erano la linea di difesa del Regno d’Italia, siccome posizionate al confine con la Francia e più precisamente a pochi passi dal valico del Colle della Maddalena.

Esistono diversi tipi di fortificazioni in questa area; c’è l’Opera 14 che è una batteria “sempre pronta” armata con quattro obici (una via di mezzo tra cannone e mortaio) da 100/17, quella in cui ci stiamo addentrando.

Sul versante che si percorre partendo da Murenz. Si possono trovare i Centri di Resistenza 10, 11, 12 e 14 che ospitavano mitragliatrici e depositi. Queste ultime vennero create successivamente all’Opera 14.

 

Adesso però è giunta l’ora di uscire e di riprendere una boccata d’aria fresca per goderci il panorama da quassù.

 

Non ci resta che tornare a Ferrere per scoprire le ultime curiosità di questi luoghi ricchi di storia.

Rieccoci qui, da dove tutto è iniziato!

Come ultima cosa vorrei farvi visitare un ultimo luogo “la Mizoun del Countrabandier”, ovvero “la casa del contrabbandiere” in occitano. Vi chiederete: perché proprio del contrabbandiere?   Perché questo era il punto cardine per i contrabbandieri, che generalmente erano gli abitanti di Ferrere e dell’alta valle. Essi praticavano questa attività fuorilegge per integrare le entrate durante il periodo invernale. Da qui, infatti, riuscivano a raggiungere la Francia attraverso il Colle del Ferro o del Puriac per andare a vendere o barattare cibo, tabacco, sale e pelli.

Questa storia la si può trovare nella casa che andremo a visitare, attraverso gli utensili, i vestiti e tutti gli attrezzi che all’epoca facevano parte della vita quotidiana locale.

Anche questa giornata è volta al termine; non mi resta che salutarvi: alla prossima!