IL FORTE ALBERTINO DI VINADIO

Benvenuti in Valle Stura!

Oggi ci troviamo a Vinadio, una ridente cittadina a 797 metri sopra il livello del mare a pochi chilometri dal valico alpino del colle della Maddalena, che mette in comunicazione la valle Stura con la val d’Ubaye in Francia.

Oggi faremo due passi nella Storia: siete pronti? 

Ci troviamo di fronte al Forte Albertino, che è ormai il simbolo di questo paese e della valle intera.

Questa fortezza è stata voluta nell’Ottocento da Carlo Alberto di Savoia, dopo l’abbattimento del forte di Demonte per sbarrare l’accesso alla pianura dal colle della Maddalena.

I lavori durarono dal 1834 al 1847 con un’interruzione di 2 anni. Nella costruzione furono impiegate circa 4000 persone, che non provenivano solo dalla provincia cuneese, ma anche dal biellese e dal bergamasco. La sua lunghezza in linea d’aria è di 1200 metri, ma il percorso che si sviluppa su tre livelli (Fronte Superiore, Fronte d’Attacco e Fronte Inferiore), è di circa 10 km.

Durante la seconda guerra mondiale gli Angloamericani lo bombardarono (tuttora si possono vedere ancora delle tracce), siccome era occupata da alcune truppe tedesche che, scappando, fecero esplodere alcuni locali adibiti a polveriere.

La fortezza fu sempre utilizzata come carcere e\o deposito militare

Nel dopoguerra questa fortificazione venne abbandonata, poi ripresa e in parte ristrutturata. Attualmente ospita il museo “Montagna in movimento” e spesso è luogo di manifestazioni ed eventi. 

Nel 2014 ai piedi delle mura è stato creato un piccolo lago balneabile alimentato dalle acque della fonte di Podio Sottano.

Prendetevi del tempo per passeggiare e per rilassarvi, ci vediamo alla prossima tappa del nostro viaggio nella provincia Granda!

 

 

About Author

client-photo-1
Pangea Viaggi Incoming

Comments

Lascia un commento

14 + otto =