È un momento difficile, eh sì, se ne sono già dette tante a riguardo. Le notizie tristi sono diventate parte del nostro monotono quotidiano e sembrano farci allontanare sempre più dai nostri piani estivi, a tal punto da farci rinunciare ad immaginare le nostre vacanze.

Viaggiare con la mente è un piacere che nessuno vuole negarsi, ma farlo fisicamente, ha sicuramente tutto un altro gusto!
 
Quante volte andiamo in capo al mondo e ci accorgiamo di avere di fronte a noi montagne, monumenti, paesaggi che ricordano quelli di casa, facendoci così sentire fortunati e, perché no, anche un po’ nostalgici.

Credo che questo sia il momento giusto per andare alla scoperta del patrimonio locale, quello che ci circonda e che il più delle volte non consideriamo, perché siamo troppo presi dalla nostra routine fatta di orari stretti e di mille pensieri per la testa.

Siamo sinceri, molti di noi sono ignari delle bellezze e del gran potenziale di queste vallate, perché è più facile denigrarlo o sottovalutarlo che impegnarsi a scoprirlo!
Ecco, caro lettore, questa è l’occasione perfetta per recuperare il tempo perduto e per ricredersi.

Come immaginarsi l’estate che verrà? Ovviamente immersi nella Natura. Sì, quella con la N maiuscola. Lì sono nascosti i veri gioielli del nostro territorio, la Storia, le tradizioni, l’arte, la scienza e anche il divertimento.

Vi immaginate che bello camminare o andare in mountain-bike lungo i sentieri di montagna o di collina? Al momento sembra un sogno, ma noi lo faremo naturalmente… distanziati!

Lo so, in questi giorni non facciamo altro che sentire “distanziamento sociale”, ci trapana il cervello e spesso ci spaventa. Dobbiamo dirlo, non ha un suono molto dolce, ma è la descrizione di ciò che ci sta accadendo e di ciò che ci aspetta. 

Ho deciso di utilizzare il motto “naturalmente… distanziati” perché chiunque frequenti la montagna e la natura in generale, sa che l’essere distanziati durante un’escursione è normale, ognuno prende il proprio passo, ma ciò non vuol dire essere soli: è pur sempre un momento di condivisione.

Quante volte la distanza in natura ci permette di ammirare animali selvatici nella loro quotidianità e di godere di fenomeni naturali unici. 

La distanza diventerà il modo per prendersi il proprio tempo, per ascoltare il proprio corpo e per godersi la vista.

Durante le vostre avventure in queste valli affidatevi ai professionisti del turismo che vivono IN e soprattutto PER questi  luoghi. Chi meglio può raccontarvi aneddoti, storie e curiosità di un’area, se non ci investe tempo, vita e denaro per essa?

Chi come me, Marika della Pangea Viaggi Incoming, accompagnatrice turistica e tecnico specializzato in ospitalità turistica nelle vallate cuneesi, ama le proprie radici e il proprio territorio, sceglie ogni giorno di investire tempo, studio e tanto lavoro al fine di passare la propria passione a chi ha davanti e a chi sta leggendo queste parole.

C’è chi ha deciso di lanciarsi in un mondo nuovo, lontano anni luce dalla propria professione, come Gabriele e Franco de “L’ostello del Monastero“, una struttura ricettiva in una piccola frazione di Dronero, all’interno di un antico monastero cistercense femminile del XII secolo. Il loro scopo è far rinascere e rendere fruibile i beni della bassa valle Maira. Come? A piedi o in bicicletta! Il loro ostello dà riparo e la possibilità di scoprire i piatti della tradizione a tutti i viandanti.

Ostello del monas

Diego e Marco di Cycling Nature hanno fatto del loro hobby il loro secondo lavoro. Vi trasmetteranno l’amore per la mountain-bike e vi condurranno in alto, su per i colli alpini e le dorsali dai panorami mozzafiato. Con loro saluterete il monte Bersaio e la Meja per poi concedervi una meritata pausa al pian della Gardetta oppure macinerete chilometri lungo i sentieri montani verso il vostro meritato piatto di gnocchi al Castelmagno.
Insomma, noi come tanti altri professionisti con cui collaboriamo, siamo qui naturalmente… distanziati per rendere le vostre vacanze a km0 (o quasi) impeccabili e indimenticabili, perché crediamo in questo territorio, nelle sue potenzialità e siamo pronti a investire tutte le nostre forze per farvelo amare come mai prima d’ora avete fatto!

Eccoci arrivati in Valle Maira, una valle incantevole dalle strade tortuose che portano in posti di incantevole bellezza.

Oggi ci fermeremo in un posto magico, alla cappella di San Salvatore a Macra.

Quante volte i viaggiatori e i frequentatori della valle, ma anche i valligiani stessi, ci passano di fianco e non sanno l’immensa bellezza che nasconde questo luogo? Tante!

Ebbene sì, si tratta di una piccola cappella situata a pochi passi dalla strada che va da Dronero verso l’alta valle. È circondata da una piccola collina verde con arbusti qua e là ed è anche un’area ambita da chi ama fare pic-nic durante la bella stagione.

 

Noi non ci fermeremo ad ammirarla da fuori, perché l’obiettivo del nostro cammino è quello di ammirare ciò che ci circonda da vicino, innamorarci del patrimonio artistico e della natura incontaminata.

 

Che ne dite, entriamo?!

 

Eccoci!

Una meraviglia, vero?

Pensate che è una delle più antiche testimonianze di insediamenti cristiani nella zona. Fu infatti fondata dai monaci di Oulx intorno al XII secolo e nel Trecento passò sotto la giurisdizione della Pieve di Santa Maria di Caraglio.

Potete ammirare con i vostri occhi alcuni affreschi tardo-romanici che ci raccontano momenti dell’Antico e del Nuovo Testamento.

Ai lati del presbiterio si possono ancora intravedere a sinistra scene che ritraggono Adamo ed Eva, una battaglia dell’Antico Testamento e in basso un suonatore di flauto nell’intento di eseguire un canto funebre. A destra una danzatrice in abiti d’epoca accompagnata da un suonatore di cetra, che richiama alla memoria la danza di Salomé di fronte al padre Erode. Al di sotto vi è la scena dell’offerta del grano di Caino e Abele.

Nell’abside, invece, ci sono quattro riquadri intervallati da tre monofore che racchiudono i dodici apostoli. Questi affreschi coprirono altri affreschi più antichi.

In alto invece potete osservare i quattro evangelisti separati dal Cristo in mandorla che iniziano la stesura del proprio vangelo.

Sui piedritti dell’arco troviamo altri due affreschi tardo-gotici che rappresentano a sinistra Santa Caterina con la ruota del martirio, a destra Sant’Antonio abate e in alto la scena dell’Annunciazione.

Tutte queste opere sono state accostate a due artisti di quella epoca: il Maestro di Lusernetta e Giacomo Jaquerio, ma non vi sono fonti certe.

 

Prendetevi del tempo per godervi questa bellezza prima di uscire.

 

Alla fine di questa breve visita, vi auguro di prendervi del tempo dopo le vostre escursioni o passeggiate in montagna e andare alla ricerca di questi gioielli nascosti.

Raccontano il passato delle nostre montagne e di chi lì é nato, cresciuto e passato a miglior vita.

Non smettete mai di stupirvi dell’arte che vi circonda,
di quello che ci é stato lasciato in eredità tanto tempo fa.

Raccontano le radici di ognuno di noi.

 

Chiudiamo la porta dietro di noi, riprendiamo gli zaini e rimettiamoci in cammino.

La strada davanti a noi è ancora lunga!

 

 

 

É possibile visitare la cappella grazie al progetto “chiese a porte aperte” che permette di aprire autonomamente alcuni beni culturali ecclesiastici del Piemonte e della Valle d’Aosta con l’ausilio di un’app. Ulteriori informazioni le potete trovare qui http://www.cittaecattedrali.it/it/chiese_aperte

Caro lettore,

Benvenuto nelle Terre Occitane!

Sì, ora ti starai chiedendo dove sono queste vallate e perché occitane, ma non ti preoccupare, ti accompagnerò alla scoperta di questo angolino della nostra bella Italia e ti chiarirò tutte le idee.

Queste valli sono un po’ nascoste tra le Alpi piemontesi, ma si sa, è proprio nei luoghi più remoti che si nascondono le grandi bellezze.

Le vallate occitane si trovano in provincia di Cuneo, dalla valle Po all’alta valle Tanaro. In realtà le terre occitane si sviluppano dal cuneese fino ai Pirenei, comprendendo tutto il Midi francese, a cui vanno poi aggiunte alcune valli torinesi ( Chisone, Susa, Germanasca, Pellice), Olivetta San Michele e Guardia Piemontese.

Noi percorreremo passo dopo passo le valli occitane cuneesi. Qui si parla ancora la lingua d’oc, occitana, quella utilizzata dai trovatori per cantar l’amor cortese: una lingua affascinante, impregnata di storia e di valori.

Non fatevi scoraggiare dal viaggio per raggiungere Cuneo o Saluzzo, perché ne varrà davvero la pena. Arrivando vedrai aprirsi davanti a te un anfiteatro fatto di montagne che toccano e spesso superano i 3000 metri. In quel momento inizierai ad assaporare ciò che queste valli possono darti.

“Le montagne sono le grandi cattedrali della terra”, disse John Ruskin ed è la sensazione che proverai quando ci troveremo in alta montagna davanti al maestoso massiccio dell’Argentera o di fronte al nostro Re di Pietra, il Monviso.

È giunta l’ora di mettersi in cammino a passo lento e costante, ma prima facciamo lo zaino: vestiti confortevoli, crema solare, scarpe comode, una borraccia  e la macchina fotografica. Non serve altro, il resto lo troveremo lungo il cammino.

Partiamo!

La fondazione dell’Abbazia benedettina di Villar san Costanzo è datata intorno al 712, voluta dal re longobardo Ariperto II. Venne costruita lì, dopo la bonifica dell’area fatta dai monaci benedettini.  Essa venne poi trasformata in chiesa parrocchiale per difenderla dal potere napoleonico, che fece sopprimere tutti  gli ordini ecclesiastici. Oggi è la chiesa parrocchiale di san Pietro in Vincoli, col patronato dei SS. Vittore e Costanzo. All’interno di questo edificio vi sono una cripta e la cappella di San Giorgio. I resti del monastero benedettino in stile romanico (in particolare le absidi) vennero poi inglobati nel Settecento dalla nuova struttura disegnata dall’architetto Francesco Gallo. Questa chiesa a croce greca presenta un impianto romanico, una facciata barocca e un campanile gotico.

La cappella fu voluta dall’abbate Giorgio Costanzia di Costigliole come suo mausoleo, infatti qui si trovano le sue spoglie. Fu realizzata tra il 1467 e il 1469 da Pietro Pocapaglia da Saluzzo in stile tardo gotico. Nella seconda metà del Novecento fu restaurata e vennero alla luce gli affreschi che rappresentano la vita di San Giorgio. Sulla volta è possibile ammirare i quattro evangelisti con i loro simboli distintivi. Il sarcofago marmoreo è opera dei fratelli Zabreri di Pagliero di Macra.

 

​Scendendo le scale di fianco alla cappella, si arriva alla cripta, risalente all’ XI secolo, costituita da tre navate con volte a crociera, sorrette da colonne con caratteristiche diverse l’una dall’altra. Esse, infatti, vennero erette con materiali di recupero, come si soleva fare nel periodo romanico. ​